Logo di Qype Iscriviti a Yelp

Qype e Yelp si sono uniti per offrirvi più recensioni, più attività e una community più grande! Ulteriori informazioni.

Mappa
Modifica
  • Via di Santo Spirito 36R
    50125 Firenze
    Palazzo Pitti
  • Calcola l'itinerario
  • Numero di telefono 05 52398976

Recensioni Consigliate

×
La tua fiducia è la nostra preoccupazione principale, per cui le attività non possono pagarci per alterare le proprie recensioni. Continua a leggere.
  • 4.0 stelle
    14/4/2014
    1 check-in qui

    Grande rispetto per questa trattoria dove ci hanno portato Scott e Danella. Non saprei localizzarvela, non essendo un autoctono, ma per quello c'è la mappa. Per quanto riguarda la nostra esperienza, ricordo che quando siamo entrati sono stato colpito dall'aspetto molto rustico, tipicamente trattoriesco. Ci hanno fatto accomodare in uno spazio un po' angusto, ma il tavolo non era comunque stretto. Il cameriere, probabile parente di Stanley Tucci, ci ha servito con grande perizia. Simpatico, efficiente, una macchina insomma :)

    Attacchiamo con del buon vino e delle bruschette (una porzione in più del richiesto, però direi che ci stava tutta), per poi passare al main course, la Fiorentina! Le bruschette erano davvero ottime, così come la carne. La cottura era in linea con gli standard, ci è stata portata già tagliata, il grasso era molto limitato. Avrei apprezzato, da profano quale sono, un po' di patatine fritte come contorno, ma mi è stato intimato di andarle a prendere da McDonald's perchè loro fanno solo patate al forno :D

    Non sono riuscito ad apprezzare i dolci, ero pieno come un uovo e davvero non ce l'avrei fatta, però mi sono gustato un montenegro di chiusura. Il conto era assolutamente onesto (mi pare intorno ai 25/30€)

    Grandi soddisfazioni per questa cena :) Penso che ci tornerò per provare gli altri piatti del menù!

  • 4.0 stelle
    9/7/2014

    Il ristorante è carino ed il menu toscano è molto buono (almeno per quanto riguarda ciò che abbiamo mangiato). Le penette all'angiolino e la pappa al pomodoro sono consigliate. La bruschetta è ottima ma direi che i crostini col fegato non sono un granché. Ottimi anche i cantucci col vin santo. Non abbiamo preso un secondo perché le porzioni degli antipasti e i primi sono talmente abbondanti. Lo staff è simpatico anche se sono un po' lenti nel servizio. Se cercate un bel ristorante toscano oltrarno, ve lo consiglio!

  • 4.0 stelle
    23/11/2011

    Trattoria rinomata del dilàdarno, il locale è in via Santo Spirito, è frequentata da cittadini e turisti.
    L'atmosfera vecchio stile può forse scoraggiare, ma la dimensione delle portate e la qualità degli ingredienti vi faranno immediatamente cambiare idea una volta serviti. La cucina è quella tipica toscana preparata con grande cura. Molto buono il peposo e la selezione degli affettati è da prima classe.
    Per quel che riguarda l'ambiente ho detto che potrebbe scoraggiare ma osservando bene si notano dei particolari interessanti come la stufa in ghisa e il bel bancone di marmo subito all'entrata. Certo lo spazio è quello che è, spesso si è molto vicini ad altre tavolate, se sieti di quelli che non sopportano gli altri esseri umani lo sconsiglio.
    I prezzi sono onesti soprattutto se si considerano le generose porzioni. A servire un personale simpatico, disponibile e cordiale.

  • 4.0 stelle
    21/1/2011
    Primo recensore

    Sono stata davvero indecisa sulla valutazione da dare a questa trattoria.
    La cucina è quella tradizionale toscana, niente variazioni o sperimentazioni, nel menù si va dalla ribollita alla classica bistecca alla fiorentina, hanno pure l'ossobuco.
    La carta dei vini non è estesa ma un pò di scelta c'è.
    Il servizio è cordiale e sereno, svolto da 2 signori che incarnano perfettamente la figura dell'oste di un tempo.
    Il locale è caratteristico, carino davvero, con la cucina a vista ed i cuochi all'opera, e persino lo spazio tra i tavoli è più che adeguato, il che fa onore.
    Mi ha sconcertato il canto di un anziano e bravo tenore che al nostro ingresso allietava i presenti,( turisti ma anche fiorentini), con classiche arie italiane, ad un certo punto si è unito in duetto con lui il maittre napoletano, lì ho dovuto trattenere, ed i miei amici hanno fatto altrettanto, le risate arrivate ormai al culmine.
    Non sapevo più se ero andata a mangiare in un posto tipico o se fossi stata per caso catapultata in un ambiente tipo "america-anni-del-proibizionismo-little italy".
    Insomma nonostante la bravura e la simpatia del Tenore, l'ho trovato kitcho!, forse i turisti apprezzerebbero di più, cmq non è durato tanto e il cantante ha salutato i presenti in sala per andare, probabilmente, in un altro ristorante e noi ci siamo goduti la serata senza che nessuno ci mettesse fretta, complice una sala ormai gremita.
    4 stelle per la giovialità e la familiarità del posto, 3,5 alla cucina, buona, porzioni abbondanti:ho preso un peposo con polenta fritta ma la ribollita, seppure gustosa, non mi ha convinto del tutto, forse perchè è arrivata poco calda.
    Arrotondo per eccesso... di fiducia.

  • 4.0 stelle
    19/11/2011

    Il Ristorante Angiolino è situato in Oltrarno, vicino alla chiesa di Santo Spirito e alla celeberrima Cappella Brancacci. Fondato nel 1943 nei locali anticamente previsti come scuderie di Palazzo Frescobaldi, prese il nome "Angiolino" nel 1952. Qui è possibile confrontarsi con il gusto della storica cucina fiorentina e, in proposito, il titolare ripone grande attenzione nell'abbinamento tra vini e piatti, al fine di esaltarne il gusto tradizionale. "Angiolino" è frequentato tanto dai fiorentini, che qui riassaporano i loro piatti tipici, che dai turisti, all'assalto di leccornie sconosciute. Noterete l'atmosfera rustica, tipica della trattoria fiorentina, secondo un arredamento molto semplice ma accogliente, da locanda dei tre moschettieri insomma. All'ottima qualità gastronomica legherete dunque un ambiente caratteristico, con ampio salone a volta dominato da una splendida stufa in ghisa di fine 800 e 4 lampadari in legno e ferro battuto dei primi dell'900; per la cronaca, della stessa epoca è il bancone in marmo posto all'ingresso del locale. Il menu offre i vari antipasti toscani, primi piatti come pappa al pomodoro e zuppa lombarda, porchetta al forno e naturalmente la mitica bistecca alla fiorentina. Per quanto concerne la cantina, potrete contare sui migliori rossi toscani. Sito in una strada battuta meno freneticamente dai turisti, "Angiolino" non è spaziosissimo, per questo potreste anche trovarvi a mangiare a diretto contatto con i vicini di tavolo. Ma finocchiona, prosciutto, salame e "peposo" meritano assolutamente la vostra scelta. Tra i dolci consiglio la panna cotta con cioccolato e ovvimente, da amante di Firenze, gli immancabili cantuccini con Vinsanto. Se aggiungete un servizio a carattere familiare e prezzi nella media, direi che è difficile uscire scontenti da qui.

Pagina 1 di 1